FICT: anni di disimpegno educativo, questo è il risultato

Luciano Squillaci, presidente FICT:

“Ogni giorno, sempre di più, si leggono sui giornali fatti di cronaca con protagonisti i giovani e la droga. Articoli che mettono paura perché sembra che tutto non sia più gestibile. E spesso le cose sono proprio come sembrano. Dobbiamo capire che non esistono buoni e cattivi, ma azioni buone e azioni cattive. La droga è come un cancro dell’anima che ci fa perdere dentro un labirinto ed il ‘filo di Arianna’ è la creazione di una rete sociale di riferimento.

“I ragazzi delinquono per la droga, muoiono per il loro divertimento che è diventato dipendenza. I ragazzi si sparano per questo divertimento commettendo azioni che graveranno sulla loro stessa vita. Insegniamo ai giovani che il male si nasconde spesso dietro ad un piacere illusorio e ad un guadagno facile e che la vita è anche sacrificio e libertà di scegliere la cosa giusta.

“C’è una scarsa attenzione a questa piaga e rispondiamo ancora reagendo a fatti che potrebbero essere evitati ma dobbiamo lavorare su azioni preventive. Questo è il risultato di anni di disimpegno educativo: fino a quando ci preoccuperemo solo delle sostanze e non delle persone continueremo a registrare tragedie.

“L’’antidoto? Riconsegnare alla società il ruolo educante che ha perso… la cultura l’unico faro di speranza”.

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter

Prossimi Eventi

16 Nov 2019;
Sabato Novembre 16
Burraco a favore di ADMO
19 Nov 2019;
Martedì Novembre 19
Il Festival di Sanremo dal 1955 al 1958
20 Nov 2019;
Mercoledì Novembre 20
Cinema per la Terza Età